La CHIRURGIA ORALE è un ramo dell’odontoiatria che comprende differenti interventi chirurgici che interessano il cavo orale quali

  • estrazioni dentarie: elementi irrecuperabili, denti del giudizio responsabili di sintomatologia infiammatoria-infettiva o potenzialmente dannosi per i denti adiacenti, canini inclusi o elementi sovrannumerari che impediscono la sostituzione di elementi mancanti mediante chirurgia implantare
  • rimozione di cisti mascellari o di epulidi
  • allungamenti chirurgici della corona clinica dentale con finalità estetiche o miranti al recupero conservativo/protesico di elementi gravemente compromessi
  • interventi di rigenerazione ossea o innesti gengivali per correggere deficit volumetrici (spessore e/o altezza) in aree nelle quali sono stati estratti denti naturali.

Nella chirurgia orale il campo di applicazione più noto è l’estrazione dei denti del giudizio (ottavi) e di tutti quei denti che spesso non riescono a uscire in maniera naturale per mancanza di spazio o a causa di posizione scorretta. Questo fenomeno prende il nome di disodontiasi e può interessare anche canini e secondi molari superiori e la dentatura decidua.